sostenibilità, risparmio, autoproduzione, esperimenti di decrescita :)

Fatti una birra!

birraDa sempre la birra è sinonimo di convivialità. E’ possibile in pochi passi produrre a casa propria una birra di qualità e stupire i propri amici. Tutto quello che vi serve è racchiuso nei kit prodotti dalle aziende di settore, un po’ di spazio e la pazienza di aspettare che la fermentazione giunga al termine (a seconda della tipologia di birra da 2 fino a 6 mesi).
Il kit è composto in genere da: un fermentatore con gorgogliatore, un secondo fermentatore, paletta per mescolare il mosto, densimetro, polvere per la disinfezione, spazzola lava bottiglie, tappi a corona, tappatrice e un manuale.
Le ricette delle birre (lager, pils, porter, weizen, ecc.) sono vendute in latte da 1,5 kg sotto forma di sostanza mielosa; a seconda del tipo scelto producono da 8 a 22 litri di prodotto finito.

La preparazione dura non più di un’ora e mezza. Una volta scelta la vostra tipologia preferita dovrete far scaldare la latta in 3-4 litri d’acqua, travasarne poi il contenuto nel fermentatore e amalgamare con la quantità di zucchero indicata. Ottenuto il mosto si allunga con acqua, si attende che la temperatura giusta sia raggiunta e si aggiunge il lievito. Una volta chiuso il fermentatore, entro due giorni si avvia la prima fermentazione che potrà protrarsi fino a sei giorni; a conclusione si travasa la birra nel secondo fermentatore con aggiunta di zucchero disciolto in poca acqua e si imbottiglia per la seconda fermentazione.
Qui la parte più difficile: aspettare che la vostra gustosissima birra sia pronta per essere servita.

Il kit e le latte di malto possono essere acquistati nei negozi di fai da te, in alcuni di giardinaggio e su internet, per una spesa complessiva che va dai 50 agli 80 euro al massimo. Le bottiglie vanno acquistate a parte,  si trovano nei negozi di bricolage e costano circa 50 centesimi l’una. Ovviamente sono riutilizzabili, una volta disinfettate.

Prosit!

Lascia un commento :)






Questo blog è sopravvissuto al trasferimento da Altervista grazie al preziosissimo aiuto di Andrea Beggi. Grazie :)
0 galline
0 tacchini
0 anatre
0 maiali
0 buoi e vacche
0 pecore
0 conigli
0

Numero di animali morti nel mondo a causa dell'industria della carne, del latte e delle uova, da quando hai aperto questa pagina. Questo contatore non include gli animali marini, perché tali numeri sono inestimabili.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica né è da considerarsi un mezzo di informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001.