sostenibilità, risparmio, autoproduzione, esperimenti di decrescita :)

Ubuntu

ubuntu-logo217Vi avevamo promesso di parlare della nostra esperienza con Ubuntu e dunque, eccoci qui. Ormai lo utilizziamo da un paio di mesi e non ci siamo assolutamente pentiti di aver sostituito Windows con questo sistema operativo libero. Il PC risulta essere più veloce e installato su vecchi computer ne aumenta le prestazioni. Quindi, se avete un PC obsoleto, prima di liberarvene provate ad installare questo sistema operativo: è gratis ed è davvero semplice da utilizzare. Per quanto riguarda Hard disk, chiavette di memoria USB, cellulari e macchine fotografiche, vi basterà collegarli al PC e Ubuntu le riconoscerà immediatamente. Per altre periferiche, come ad esempio le chiavette USB wi-fi, se sono compatibili con Linux, non avrete nessun problema ad installarle e non sarete costretti ad accedere al terminale (l’equivalente del prompt dei comandi di Windows), se non avete le conoscenze per farlo: vi basterà collegarle e riavviare il PC per vederle in funzione. Per quanto concerne i programmi, quelli più utili li troverete già nel vostro PC dopo l’installazione, divisi per categorie. Il vostro computer quindi avrà già quello che occorre per iniziare, dal lettore di PDF al programma per riprodurre file video e audio, da OpenOffice (che sostituisce Microsoft Office) a Gimp (che è l’equivalente open source di Photoshop), dal browser (Firefox) al gestore di posta elettronica (Email Evolution). Se vi occorrono altri programmi, la via più semplice è installare i pacchetti che si trovano nell’Ubuntu Software Center, dove troverete davvero di tutto. La via meno semplice è quella di far funzionare programmi che sono stati pensati per Windows: in questo caso, se non avete nessuna conoscenza, dovrete avere molta pazienza e molta determinazione e non è detto che questo basti. Io vi sconsiglio di intraprendere questa seconda strada, perché esistono infiniti programmi pensati per Ubuntu e non c’è ragione di rendere complicato un sistema di per sé molto semplice e funzionale.

Leggi anche: D-Link wireless adapter Ubuntu 9.10

Lascia un commento :)






Questo blog è sopravvissuto al trasferimento da Altervista grazie al preziosissimo aiuto di Andrea Beggi. Grazie :)
0 galline
0 tacchini
0 anatre
0 maiali
0 buoi e vacche
0 pecore
0 conigli
0

Numero di animali morti nel mondo a causa dell'industria della carne, del latte e delle uova, da quando hai aperto questa pagina. Questo contatore non include gli animali marini, perché tali numeri sono inestimabili.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica né è da considerarsi un mezzo di informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001.