sostenibilità, risparmio, autoproduzione, esperimenti di decrescita :)

Caramelle, impacchi e maschere all’argilla

L’argilla ha molte proprietà, tra cui quella assorbente e antinfiammatoria, ma va utilizzata correttamente  perché faccia il suo dovere. Può essere usata in diversi modi, anche per fare caramelle (l’ho scoperto durante il corso di erboristeria e proprio non lo immaginavo). Ne ho comprato un sacchetto, biologica e made in Italy (argilla verde ventilata, 6 euro per 500 gr) e ho iniziato a fare qualche esperimento.

Disintossicarsi con l’argilla
Ho cominciato oggi e non so ancora se e quali benefici  otterrò, ma vale la pena di tentare. Se volete provare anche voi, ecco come fare: bisogna riempire un bicchiere con un cucchiaio d’argilla e acqua, mescolare e lasciar sedimentare per una notte. Bere l’acqua surnatante (lasciando l’argilla nel bicchiere) la mattina dopo a digiuno, per 10, massimo 15 giorni non di più. In questo modo, l’organismo assorbirà gli oligoelementi e i minerali presenti nell’argilla e l’argilla assorbirà invece le tossine presenti nel corpo. Sconsigliato a chi a problemi legati ai reni.

Detergente viso
Indicato per pelli miste o grasse, da utilizzare al mattino, per eliminare residui di creme e secrezioni: mescolare un cucchiaino d’argilla verde con una piccola quantità d’acqua, frizionare sul viso con movimenti circolari e risciacquare con acqua tiepida.

Maschera purificante
È indicata a chi ha la pelle grassa o mista, che presenta impurità o acne, dato il potere antibatterico e cicatrizzante dell’argilla. Mescolare uno o due cucchiai di argilla con acqua e 10 gocce di olio essenziale di arancio dolce, limone, lavanda o tea tree.  Applicare sul viso per una decina di minuti avendo cura di non far seccare l’argilla, inumidendola di continuo con le mani bagnate. Questo aspetto è molto importante, poiché l’argilla assorbe tossine solo quando è bagnata; quando si asciuga rilascia di nuovo nell’organismo le stesse tossine che ha assorbito. Una volta risciacquata, la pelle resterà arrossata per alcuni minuti per via dell’aggressività dell’argilla; per questo, le maschere di sola argilla sono sconsigliate a chi ha la pelle delicata o secca (in genere si aggiunge lo yogurt).

Impacchi
Esattamente come per la maschera, si possono fare impacchi per i dolori articolari o muscolari mescolando argilla e acqua. A differenza che per le maschere, l’impacco va tenuto per almeno 30 minuti. Anche in questo caso vale la regola di mantenere l’impacco bagnato e non farlo seccare sulla pelle. Io l’ho provato per il mio mal di schiena e l’effetto è stato immediato anche se non duraturo.

Eccoci alle caramelle all’argilla
Preparare un impasto semi solido con 4 cucchiai d’argilla, acqua e dalle 20 alle 40 gocce di olio essenziale (limone, arancio dolce o quello che si preferisce). Creare delle palline con le dita e lasciar essicare per qualche ora. Se ingoiate come compresse, aiutano per problemi di acidità di stomaco; se fatte sciogliere in bocca fanno bene in caso di gengiviti e stomatiti.

Per lavorare e mescolare l’argilla vanno utilizzati strumenti di legno o comunque non di metallo.

Commenti

2 Responses to “Caramelle, impacchi e maschere all’argilla”

  • Elisa scrive:

    Ciao! Grazie mille di condividere sul web saperi cosí importanti! Ti seguo con attenzione e stima!

    Avrei anche una domanda: é vero che anche il miele ha proprietá antiinfiammatorie? Sulla base di quello che hai letto sulla cosmesi naturale é una cosa che ti torna?

    Grazie mille anticipatamente,
    buona vita

    • tascabile scrive:

      ciao Elisa, sì il miele ha proprietà antinfiammatorie, soprattutto quello di acacia (infatti si prende per il mal di gola); ha anche proprietà antisettiche. la propoli poi contro i batteri è ancora meglio, pensa che le api la “versano” sugli invasori degli alveari dopo averli storditi pungendoli, proprio per evitare la diffusione di batteri.
      ciao e grazie a te :)

Lascia un commento :)






Questo blog è sopravvissuto al trasferimento da Altervista grazie al preziosissimo aiuto di Andrea Beggi. Grazie :)
0 galline
0 tacchini
0 anatre
0 maiali
0 buoi e vacche
0 pecore
0 conigli
0

Numero di animali morti nel mondo a causa dell'industria della carne, del latte e delle uova, da quando hai aperto questa pagina. Questo contatore non include gli animali marini, perché tali numeri sono inestimabili.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica né è da considerarsi un mezzo di informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001.