sostenibilità, risparmio, autoproduzione, esperimenti di decrescita :)

Eco detergenza del viso

Stando ai libri che consulto e al corso che ho frequentato, pare che per il viso (e a dir la verità anche per il resto del corpo, capelli esclusi) non sia così necessario utilizzare i detergenti aggressivi che normalmente si trovano in commercio. Anzi, utilizzandoli si rischia di compromettere la protezione naturale della pelle, alterandone il PH, il film idroacidolipidico e la flora microbica.

Di mattina, per rimuovere il sebo e i residui della crema applicata la sera prima, basta lavarsi con un cucchiaino di amido di riso mischiato con un po’ d’acqua se si ha la pelle normale, un cucchiaino di argilla verde (sempre sciolto in acqua) se si ha la pelle mista o grassa, oppure un cucchiaino di farina d’avena e acqua se si ha la pelle secca. Io faccio parte della seconda categoria, e da qualche tempo alterno l’uso del solito detergente con questo metodo e mi sto trovando bene.

Di sera ovviamente la pelle è molto più sporca, quindi va trattata in modo diverso. Io ho preparato questo detergente fai da me:

3 cucchiaini di yogurt magro intero
2 cucchiaini di olio di albicocca
un cucchiaino di miele d’acacia
2 gocce di olio essenziale (opzionale)

Si mescola tutto insieme e si utilizza massaggiandolo sulla pelle; dopo un paio di minuti si risciacqua. Se lo lasciate sulla pelle per una decina di minuti diventa un ottimo peeling; se lo preparate senza miele è una crema leggera per il corpo. Si conserva per cinque giorni in frigorifero. Gli olii essenziali non sono fondamentali nei detergenti, ma se scegliete il tea tree, ottimo per la pelle grassa con tendenza all’acne, lo conserva per due giorni in più.

Commenti

5 Responses to “Eco detergenza del viso”

  • Elisa scrive:

    Ciao!
    Grazie, come sempre, di questi articoli! Vorrei chiederti, però, come ci si procura l’acqua distillata e se è possibile preparare una crema a partire da questi ingredienti, i soli che ho: argilla verde, burro di karitè (originale dal Burkina Faso) e miele (biologico). Il mio problema sono i pori infiammati post-depilazione, credi che potrei ricavarci qualcosa? O magari una crema nutriente per il viso (la mia pelle è normale, non secca né particolarmente grassa).

    Grazie in ogni caso,
    un caro saluto!

    • tascabile scrive:

      non conosco ricette con argilla, burro di karitè e miele :)
      sia per il viso sia per il corpo dovresti unire al burro di karitè un olio (per il viso puoi fare 20% di olio di germe di grano e 80% di olio di girasole – per il corpo anche 100% di olio di mandorle dolci). la proporzione tra olio e burro di karitè è 1:1, poi dovresti aggiungere un paio di gocce di olio essenziale; per la pelle infiammata direi camomilla (o rosa, ma l’olio essenziale di rosa costa molto)
      ah, per l’acqua da utilizzare, prova a leggere qui (http://lola.mondoweb.net/viewtopic.php?f=17&t=6994). io non mi faccio grandi problemi e uso l’acqua del rubinetto :D

  • Elisa scrive:

    Non ho parole per ringraziarti: sei stata gentilissima! Grazie mille per i suggerimenti intelligenti e per la rapidità della risposta!
    Un caro saluto!

  • Cristina scrive:

    Volevo solo segnalarvi anche un ottimo struccante occhi (mi sembra di averlo scovato su Lola).
    E’ dall’inverno scorso che mi strucco con acqua e olio di riso (mescolo in una boccetta parecchia acqua e un pò d’olio) e mi trovo molto bene (l’unico accorgimento è quello di shakerarlo un pò prima di usarlo;)
    E anch’io uso l’acqua del rubinetto a dire il vero..

  • Mary scrive:

    Ciao Tatiana ma per il viso (pelle grassa) non andrebbe bene l’olio alle mandorle dolci? Grazie!

Lascia un commento :)






Questo blog è sopravvissuto al trasferimento da Altervista grazie al preziosissimo aiuto di Andrea Beggi. Grazie :)
0 galline
0 tacchini
0 anatre
0 maiali
0 buoi e vacche
0 pecore
0 conigli
0

Numero di animali morti nel mondo a causa dell'industria della carne, del latte e delle uova, da quando hai aperto questa pagina. Questo contatore non include gli animali marini, perché tali numeri sono inestimabili.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica né è da considerarsi un mezzo di informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001.