sostenibilità, risparmio, autoproduzione, esperimenti di decrescita :)

Di imballaggi e rifiuti: l’esperto risponde

Ricordo che a metà degli anni novanta, nel piccolo paesello dove abitavo ai tempi, arrivò il primo opuscolo informativo sulla raccolta differenziata, novità delle novità. Il Comune era lieto di annunciare il nuovo servizio di raccolta porta a porta e indicava per filo e per segno dove avremmo dovuto gettare i nostri rifiuti. Così, all’inizio – e per un po’ di tempo prima di prenderci l’abitudine – ogni volta che ci trovavamo tra le mani qualcosa destinato alla spazzatura, controllavamo nella tabella dove andava collocato.

Sono passati circa quindici anni da allora e ormai la raccolta differenziata non dovrebbe più avere misteri, eppure spesso mi trovo ancora in difficoltà. Tanto per cominciare, mi domando se le aziende trovino divertente complicarmi la vita. Ad esempio, perché incollano etichette di carta sulle bottiglie di vetro? Forse trovano comico il fatto che io debba mettere a bagno le bottiglie, staccare l’etichetta, perdere la pazienza e sentirmi in colpa perché una volta rimossa non la posso riciclare. Non basterebbe infilare un cartellino alla bottiglia, facilmente rimovibile e riciclabile? Pare di no.

Parliamo del Tetra Pak. La società che gestisce i rifiuti nel mio comune ha inviato pochi mesi fa una lettera alla cittadinanza in cui faceva sapere che finalmente possiamo buttare il Tetra Pak nella carta, poiché grazie a non so quale accordo, ora questo materiale si può riciclare. Bene, perfetto. Molte aziende però non si limitano al contenitore, fanno di più: ci mettono il tappo di plastica. Grazie azienda, non sai che gioia per me perdere del tempo a staccare quel tappo dal brick.

Poi c’è la categoria dell’imballaggio inutile. Non compro più banane, perché non sono a chilometro zero e non consumo più carne perché sono vegetariana, però ricordo benissimo che entrambe sono vendute in vaschette di polistirolo e ricoperte da pellicola. Se per il macinato arrivo a capire le motivazioni di questa scelta, per le banane mi sfugge. Perché si confezionano le banane? E se anche ci fosse un motivo logico, perché non utilizzano una vaschetta di carta, anziché di polistirolo?  E quel polistirolo, si ricicla o no? Qui ci addentriamo nel difficile mondo delle plastiche, che non sono tutte uguali e non sono tutte riciclabili. Tempo fa ho letto In Italia possiamo riciclare la plastica che rientra nella definizione di imballaggio e che piatti e bicchieri di plastica non possono essere considerati imballaggi, quindi non si possono riciclare. Mi sono scervellata per per trovare una spiegazione, credendo ci fosse qualcuno con un forte interesse economico nel riciclare una cosa sì e una no a seconda della sua definizione e non della sua composizione. In realtà oggi sono finalmente riuscita a parlare con l’esperto dei rifiuti; molto gentile e disponibile, mi ha spiegato che nella plastica si possono conferire solo bottiglie e flaconi, contrassegnati con le sigle PET, PVC e PE. Tutto il resto viene scartato poiché ridurebbe la qualità della plastica ottenuta quindi polistirolo, pellicola, sacchetti e sacchettini, vanno nel secco, indifferenziato. È un peccato – aggiunge l’esperto – un grande spreco. Già, non resta che smettere di comprarla, la plastica non riciclabile (vale anche per i giocattoli dei bambini); e per i sacchetti della frutta al super, come si fa?

Inoltre non tutti gli imballaggi sono di plastica, anzi, per alcuni è quasi impossibile capire di cosa siano fatti. Ad esempio alcuni sacchetti delle crocchette dei gatti, quelli lucidi per intenderci. Li osservo e trovo questo logo, che significa “riciclabile”. Ok, ma riciclabile dove? Vado per esclusione: non è di sicuro carta, non sembra plastica. È forse alluminio? Esistono dei simboli, che se solo venissero utilizzati mi semplificherebbero la vita e saprei come riciclare quel rifiuto. Dato che alla maggior parte delle aziende pesa l’anima stampare un banale simbolino (non esiste nessun accordo o normativa che li obbliga a farlo), non mi resta che optare per una marca che utilizza imballaggi facilmente riconoscibili.

L’esperto della società dei rifiuti mi ha rassicurata anche su altro: ho letto su diversi libri che i cartoni delle pizze non si possono riciclare nella carta, ma lui ha negato. Vanno nella carta, così come le buste per le lettere con la finestrella trasparente. Per quanto riguarda la lettiera dei gatti biodegradabile, una volta tolti i bisogni, si può buttare nell’umido ed è meglio così piuttosto che nel wc, come sospettavo. Aggiungo, per quei pochi che ancora non lo sapessero, che l’olio utilizzato in cucina deve essere raccolto in contenitori e portato alla piazzola ecologica, non va assolutamente versato nel lavandino o nel wc.

 

 

 

Commenti

9 Responses to “Di imballaggi e rifiuti: l’esperto risponde”

  • greenkika scrive:

    Grazie bananina per questo post così completo. Peccato che tu sia di Codogno e io di Milano, e che di comune in comune tutto cambi. Qui niente umido, niente distinzione tra plastiche, niente chiarezza sul cartone della pizza, e un termovalorizzatori color cielo, così per dire.

    • tascabile scrive:

      chiama la società dei rifiuti e tienili una trentina di minuti al telefono come ho fatto io :)
      tra l’altro ho scoperto altre tre cose interessanti, che non ho inserito nel post perché era già lungo così:
      1 i miei rifiuti indifferenziati non vengono inceneriti e non finiscono nemmeno in discarica; vengono disitratati e pressati e trasformati in biocubi, che sono utilizzati in una centrale elettrica della zona. producono delle scorie ma meno rispetto all’essere inceneriti
      2 quello che viene recuperato dalla strada con le spazzatrici, viene inviato a cremona. lì la terra viene setacciata e lavata, privata dei metalli pesanti e ridotta in sabbia che si utilizza poi in edilizia
      3 nella piazzola ecologica viene recuperato quasi tutto al 100%, tranne alcuni rifiuti, tra cui gli ingombranti per i quali riescono a recuperare il 10%. potrebbero fare di più, ha detto l’esperto, e ci stanno lavorando.
      ho rincorso questo esperto per un paio di settimane ma ha risposto in modo davvero gentile ed esaustivo a tutte le mie domande. credo sia importante sapere con (quasi) certezza perché differenziamo, cosa ne è dei nostri rifiuti, dove vanno a finire e come vengono smaltiti. in questo modo non è più un gesto che si fa perché qualcuno ha detto che è giusto. quindi, chiama e rompi le balle :)

  • Barbara scrive:

    Ciao!
    interessantissimo post, credo mi metterò anch’io a “torturare” l’omino dei rifiuti per sapere che fine fanno i miei!

    Per quanto riguarda i sacchetti di plastica della frutta al supermercato, quelli del self service, per intenderci, io ho risolto con le retine di cotone (sul sito di porta la sporta dovresti trovare alcune informazioni). C’è da dire che una retina pesa circa 20 gr, quindi pago 20 gr in più il prodotto, ma non produco rifiuti di plastica e sono infinitamente riutilizzabili e lavabili. e poi, nessuno mi ha detto nulla al supermercato anzi, una cassiera incuriosita mi ha chiesto ceh robe erano e dove la avevo prese. Poi è sempre divertente vedere gli sguardi attoniti delle altre persone quando mi guardano tirar fuori le retine e usarle per la frutta :-)
    Mi resta da risolvere il problema del guanto di plastica usa e getta, ma ci sto ragionando…

    • tascabile scrive:

      grande Barbara, che bell’idea quella delle retine! e l’adesivo del prezzo lo incolli sulla retina? tiene? e se tiene, poi si stacca facilmente?
      il guanto, dunque… ce lo si può portare da casa? tipo quelli in lattice da serial killer, così se si viene fermati dalla polizia… :D

  • giulia scrive:

    a me fanno troppo incazzare le aziende che non stampano i simboli del materiale sugli imballaggi. dato che non sono né un chimico né un indovino, finisce che butto tutto nell’indifferenziato, con gran dispiacere. oltre a boicottare questi prodotti, mi piacerebbe cominciare a scrivere alle aziende in questione per invitarli appunto a stampare i simboli… secondo voi ha senso? non mi prenderanno neanche in considerazione ma se cominciano a ricevere lamentele da parecchia gente magari…

    • tascabile scrive:

      Giulia, secondo me ha molto senso. già solo il fatto di prendersi la briga di telefonare all’azienda dei rifiuti è qualcosa; rompere le balle alle aziende perché mettano un simbolino sui loro imballaggi è ancora meglio :)

Lascia un commento :)






Questo blog è sopravvissuto al trasferimento da Altervista grazie al preziosissimo aiuto di Andrea Beggi. Grazie :)
0 galline
0 tacchini
0 anatre
0 maiali
0 buoi e vacche
0 pecore
0 conigli
0

Numero di animali morti nel mondo a causa dell'industria della carne, del latte e delle uova, da quando hai aperto questa pagina. Questo contatore non include gli animali marini, perché tali numeri sono inestimabili.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica né è da considerarsi un mezzo di informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001.