sostenibilità, risparmio, autoproduzione, esperimenti di decrescita :)

Un decluttering lento e pieno di ostacoli

Il decluttering procede a rilento, causa impegni di lavoro che hanno assorbito tutto il mio tempo e le mie energie, tanto che anche qui sul blog si sono formate le ragnatele durante la mia assenza. Idealmente ho compiuto un decluttering selvaggio, ma nella pratica è tutto come prima: ho sistemato armadio e cassettiera, ma cyclette e stepper sono ancora lì in attesa di essere portati a Mercatopoli o messi in vendita su Ebay.

Non ho ancora messo mano alle altre stanze, dove pullulano cose di cui dovrei liberarmi. Ad esempio in bagno ci sarebbe quello spazzolino elettrico in cerca di casa, una casa che non sia la mia; acquistato in un momento di shopping compulsivo, sono poi tornata a quello manuale, che non consuma elettricità e che – diciamolo – assolve alla grande il suo compito (il mio dentista ha confermato). Vogliamo parlare dell’arricciacapelli? Ottenuto in baratto su Zerorelativo e utilizzato sì e no due volte in svariati mesi.

La cucina poi è il regno del superfluo e degli elettrodomestici doppi, come il tostapane e la piastra, oppure il tritatutto e il robot da cucina. Perché ho comprato la Mokona, quando il caffé posso farlo con la caffettiera? Perché ho uno spremiagrumi manuale e uno elettrico? Forse perché sono una buona consumatrice: compro, compro, compro. Ma se non guardo la TV e non leggo riviste farcite di pubblicità, com’è possibile che io sia diventata una buona consumatrice? Semplice, perché esistono buoni venditori. I primi buoni venditori sono gli amici e i conoscenti, che improvvisano delle vere e proprie televendite dei prodotti che hanno appena acquistato, nemmeno li pagassero per attirare nuovi clienti. Il famoso passaparola, che ti fa sentire in una specie di Truman Show, una vita sponsorizzata.

Poi ci sono i venditori veri, quelli che si palesano quando meno te l’aspetti. Vi faccio un esempio. Da un po’ di tempo l’auto di Matteo ha iniziato a fischiare in modo anomalo; noi – da bravi pigri – l’abbiamo abbandonata nel parcheggio e siamo passati alla Smart, che giaceva inutilizzata da qualche mese (perché sempre da bravi pigri, non l’abbiamo mai fotografata e messa in vendita).
Due giorni fa abbiamo preso coraggio e accompagnato la Peugeot di Matteo dal meccanico: frizione da rifare, circa mille euro di spesa. Diciamo al meccanico che non ce la sentiamo di spendere una cifra del genere su un’auto che vale più o meno il costo della riparazione, meglio tenere la Smart e liberarci dell’altra. Chiediamo cosa dobbiamo fare, se rottamarla o regalarla a qualcuno per i pezzi di ricambio, e lui cosa fa? Ci manda dal venditore; lo fa in modo subdolo con un “venite di qua che vediamo”, quando noi non sappiamo dove sia questo “di qua” e cosa stiamo andando a vedere.
Il venditore insinua in noi il dubbio che la Smart non sia adatta come unica macchina, che va cambiata, si mette a fare conti e infine ci propone l’affare: Smart e Peugeot in cambio di un’altra auto, usata ma quasi nuova, con pochi chilometri, tenuta benissimo, al prezzo di novemilacinquecento euro pagabili in comode rate per cinque lunghi anni. Il venditore è talmente bravo che usciamo di lì quasi convinti che la sua sia la soluzione a tutti i nostri problemi. Solo diverse ore dopo rinsaviamo dal lavaggio del cervello e riflettiamo sul fatto che noi una macchina ce l’abbiamo già, funziona ed è interamente pagata. Perché mai dovremmo accollarci un finanziamento in comode rate per cinque anni quando abbiamo già ciò che ci serve?

Questa è la dura vita di chi cerca di uscire dalla ragnatela del consumo; da una parte ti impegni a liberarti di ciò che non ti serve e dall’altra c’è sempre qualcuno che cerca di far nascere in te nuovi bisogni e farti mettere mano al portafogli per far girare questa economia ferma da anni.

 

 

Commenti

6 Responses to “Un decluttering lento e pieno di ostacoli”

  • yliharma scrive:

    mi piace proprio questo post! non ci avevo pensato ma ogni volta che qualcuno ti dice “ho comprato l’oggetto X ed è favoloso!!!” a livello inconscio ti scatta qualcosa che dice “devo averlo anch’io”…e poi lo sforzo per opporsi a questo influsso è grande proprio perché non sai neanche che devi combattere qualcosa O_o
    i bravi venditori (mi scuso con chiunque lo faccia per lavoro) sono “il male” per chi vuole diventare minimalista :D
    stesso discorso per i meganegozi tipo Ikea, decathlon e simili….pericolosissimi e pieni di tentazioni…complimenti per non essere caduti nella “trappola” della macchina nuova!

    • tascabile scrive:

      ovviamente lo faccio anch’io, credo lo faccia chiunque. quando compri qualcosa, presa dall’entusiasmo ne parli bene e involontariamente influenzi le scelte di chi hai intorno.
      poi ci sono quelli che esagerano e ti fanno venire il dubbio di essere rappresentanti in incognita, forse il loro entusiasmo è un po’ troppo. infine, ci sono quelli che ostentano ciò che hanno, ma questa è una categoria a parte.
      non mi pronuncio su ikea, che è la mia rovina :)

  • Laura scrive:

    Io ho attaccato la cabina armadio, sabato, e tendenzialmente posso dire di aver fallito miseramente. Di positivo c’è che ho finalmente eliminato alcuni capi che erano nel limbo da un po’, ma in definitiva mi è presa una tale frustrazione di fronte alle cose appese che ho mollato quasi subito. Sto cominciando a pensare che il Project 33 non sia poi così da folli, avrei un gran tentazione di liberarmi di TUTTO e ricominciare daccapo, solo con pochi capi, di qualità, che mi stiano bene, mi piacciano sul serio e tutti di colori che si accordano tra loro.
    Il che in realtà sarebbe uno spreco terribile, ma volete mettere quanta fatica risparmiata? E poi avrei la scusa perfetta per comprare qualcosa di nuovo!
    Insomma, a) capisco perfettamente la tua “fatica” e b) le sirene sono proprio dappertutto.
    Ma possiamo farcela, lo so che possiamo farcela!

    • tascabile scrive:

      a proposito di colori che si accordano, mi hai fatto venire in mente quell’anno in cui ho comprato tutto nero (pantaloni, magliette, maglioni, tutto). ma sai che risparmio di tempo la mattina? per non parlare delle macchinate, un’esperienza unica buttare tutto insieme in lavatrice.
      peccato che dopo un po’ la gente abbia iniziato a dirmi “ma, tatiana, un po’ di colore no?”. le famose sirene :)

  • unarosaverde scrive:

    Bel post. Riconosco le dinamiche!
    Io ho fatto girare l’economia abbastanza negli anni scorsi. Adesso cerco di devolvere i miei soldi solo a ottime cause e spero che l’economia, con i tempi che corrono, non faccia girare troppo me…

  • Francesca scrive:

    Ah le dinamiche dei venditori!!Come ti capisco!!Quando meno te l’aspetti ti ritrovi invischiato in qualche tentativo di vendita!Vi racconto un episodio che mi è successo qualche mese fa, e che mi ha fatto imbestialire: una mattina mi reco in farmacia per comprare uno shampo; la signora della farmacia mi dice che il giorno dopo ci sarà presente in farmacia una “dottoressa in tricologia”, che effettuerà una visita gratuita del capello, così mi saprà consigliare lo shampo che fa per me. Io accetto. Il giorno dopo mi presento da questa “dottoressa” che dopo una visita di un secondo parte con una specie di televendita di alcuni prodotti, tutti della stessa marca (costosissima). Io le dico chiaramente che non posso permettermi quei prodotti, e chiedo se c’e’ qualcosa di piu’economico. Lei scocciata mi dice che sono quelli migliori, che avrei innumerevoli vantaggi ecc.ecc..e dopo un po,vedendo che non cedo, mi congeda.
    Irritata dall’accaduto il pomeriggio chiamo la farmacia e dopo varie insistenze mi rivelano che la signora non è dottoressa, ma bensì una rappresentante.
    Senza parole.

Lascia un commento :)






Questo blog è sopravvissuto al trasferimento da Altervista grazie al preziosissimo aiuto di Andrea Beggi. Grazie :)
0 galline
0 tacchini
0 anatre
0 maiali
0 buoi e vacche
0 pecore
0 conigli
0

Numero di animali morti nel mondo a causa dell'industria della carne, del latte e delle uova, da quando hai aperto questa pagina. Questo contatore non include gli animali marini, perché tali numeri sono inestimabili.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica né è da considerarsi un mezzo di informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001.