sostenibilità, risparmio, autoproduzione, esperimenti di decrescita :)

Non solo aceto

Dopo aver parlato dell’aceto, avevo promesso che sarei tornata sull’argomento “pulizie ecologiche”, quindi eccomi qui a raccontarvi di altri tre ingredienti: acido citrico, bicarbonato e borace.

L’acido citrico è una polverina bianca solubile in acqua; si acquista in farmacia e si trova a prezzi economici su svariati siti internet tra cui Minimo Impatto, La Saponaria e Dadalindo. Per sapere come viene prodotto potete leggere questo articolo, oppure questo.
Nelle pulizie di casa si usa in soluzione come anticalcare, disincrostante, ammorbidente in lavatrice e brillantante in lavastoviglie; in pratica sostituisce l’aceto. Se siete delle spignattatrici vi servirà per produrre le inutili balle effervescenti da bagno e soprattutto per regolare il ph dei cosmetici fai da te.

Il bicarbonato lo conoscerete tutti, si trova facilmente al supermercato a prezzi molto bassi ed è un prodotto davvero versatile: assorbe gli odori, aiuta la lievitazione, ha una leggera azione abrasiva che aiuta nelle pulizie domestiche. Personalmente lo utilizzo sul fondo della lettiera dei gatti (non fa miracoli, sappiatelo), lo uso nei deodoranti fai da me e per pulire i sanitari del bagno: per quest’ultimo scopo, faccio una pappetta molto densa di bicarbonato in acqua e lo sfrego sulla superficie da pulire. Provatelo perché è efficace, sbianca, pulisce e non rovina la ceramica. Attenzione a non mescolare insieme aceto e bicarbonato, a meno che non vogliate sgorgare il lavandino.
Riguardo alla produzione del bicarbonato, un libro che ho assicura che il processo di fabbricazione non produce rifiuti tossici; il dubbio mi è venuto quando ho visto la spiaggia bianca di Rosignano, ma probabilmente i danni della Solvay dipendono dalla lavorazione di altri prodotti e non da quella del bicarbonato. Di sicuro il prodotto finito non è tossico ed è biodegradabile.

Più che dell’impatto ambientale dei bicarbonato, dovremmo preoccuparci di quello del borace, antibatterico, funghicida e detergente usato dalle nostre nonne. Pulire al naturale, libro scritto dall’Associazione uomini casalinghi, dice:
“malgrado la sua bassa tossicità è stato recentemente classificato come prodotto potenzialmente pericoloso per la salute umana, a causa delle continue pressioni delle lobby dell’industria petrolchimica, che spinge per declassare i prodotti naturali a favore dei brevetti dei composti di sintesi”.
Nel mio prontuario per la spesa consapevole (Cosa c’è davvero nel tuo carrello? di Bill Statham) leggo invece che il borace è tossico; sul Forum di Promiseland Fabrizio Zago consiglia di evitarlo come la peste e Lola lo definisce un orrore in ambito cosmetico.
A meno che Bill Statham Fabrizio Zago e Lola non facciano parte delle lobby della teoria degli uomini casalinghi, direi che le loro opinioni bastano a farci venire qualche dubbio e a preferire il bicarbonato – evidentemente sconosciuto alle lobby – al borace.

Voi utilizzate altri metodi o prodotti? Sapete cose che non so?

 

 

Previous Topic
Next Topic

Commenti

5 Responses to “Non solo aceto”

  • silvia scrive:

    oltre al magnifico trio (bicarbonato, aceto e acido citrico)
    trovo perfetto il limone (tagliato a metà) per togliere gli odori dai taglieri dai piani di lavoro e anche da coltelli/stoviglie.
    per disinfettare i sanitari (ho due gatte che usano bere dal wc e se glielo chiudo piangono) uso l’acqua ossigenata. non ho trovato informazioni sgradevoli riguardo al suo uso, se si può mettere sulle ferite aperte andrà bene anche per i sanitari.
    astuzia da pasticciona invece (non per vegani) il latte sulle macchie di inchiostro di qualsiasi tipo.
    non si tratta di “pulizia” in senso stretto però son rimedi utili uguali…no?

  • Alice Twain scrive:

    Le balle sono inutili ma io le trovo divertenti, quelle due volt el’anno che le uso.

  • francesca scrive:

    Trovo ottimo lo spruzzino fatto con Soda solvay più acqua,
    ci pulisco praticamente tutto dal bagno alla cucina.

  • cathytaravella scrive:

    Conosco una meravigliosa ricetta utile per pulire i metalli(velocissima x i fornelli ,l’acciaio in genere argento ) lo provato anche su le pareti della doccia ,i mobili della cucina e i vetri .In Francia si chiama Pietra d’argilla ecco la ricetta :
    prendo come dose una tazzina da caffè

    2 dose argilla bianca
    1 di bicarbonato
    1 di sapone liquido neutro per piatti
    1/4 di tazza di olio vegetale (olivo ,lino ,girasole..)
    olio essenziale di limone o pino

    Siccome non ho olio essenziale al limone ,ho usato 1/4 del mio oleo lito al limone ,e funziona benissimo .
    un po d’acqua in modo da fare una pasta si lascia asciugare 24 ore é pronta !!!
    Prova vedrai non se ne può più fare a meno ,Lucida l’acciaio .non puzza e lascia le mani morbide !

  • Federico scrive:

    Il Borace lo consiglia la Dott. Clark per lavare i panni, i pavimenti e anche le mani. La sua professione era di testare tutto ciò di cui ci serviamo per verificare se vi fossero sostanze nocive alla salute. Le proprietà antibatteriche e funghicida sono importanti soprattutto se in casa si hanno persone ammalate o con il sistema immunitario basso.

Lascia un commento :)






Questo blog è sopravvissuto al trasferimento da Altervista grazie al preziosissimo aiuto di Andrea Beggi. Grazie :)
0 galline
0 tacchini
0 anatre
0 maiali
0 buoi e vacche
0 pecore
0 conigli
0

Numero di animali morti nel mondo a causa dell'industria della carne, del latte e delle uova, da quando hai aperto questa pagina. Questo contatore non include gli animali marini, perché tali numeri sono inestimabili.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica né è da considerarsi un mezzo di informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001.