sostenibilità, risparmio, autoproduzione, esperimenti di decrescita :)

Un Natale buono

Questo è già il terzo anno in cui parlo sul blog di Natale ecologico e sobrio e già l’anno scorso avevo detto tutto quello che c’è da dire in merito; quello che non vi ho detto è che l’anno scorso ho deciso di annullare il Natale e non ci siamo scambiati regali di nessun tipo. Premetto che ormai da tempo i miei doni vengono fatti a mia madre, a Matteo e alla mia migliore amica, quindi nessun pensierino inutile e poco gradito a parenti o pseudo amici che vedo una volta l’anno. In ogni caso, Matteo me lo rinfaccia ancora oggi, l’annullamento. Così quest’anno ho accettato un compromesso: sì ai doni, ma a patto che non ci si regali niente di nuovo o inutile.

Per compensare l’eccesso di sfarzo, non abbiamo addobbato l’immancabile albero (ma in realtà la causa dell’annullamento dell’albero è Bubba, micio terminator di nove mesi). Peccato non avere carta in esubero, altrimenti mi sarei cimentata nella costruzione di questo o quest’altro alberello, con tanto di tutorial per le meno abili come me.

Torniamo ai regali. Qualche tempo fa, girava su Facebook questo messaggio: “Proponiamoci di autoprodurre i regali di Natale con fantasia, pensando all’utilità reale e alla bellezza; se ne acquistiamo facciamo in modo che i nostri soldi arrivino a persone che conosciamo o che ci ispirano fiducia e non ai grandi centri commerciali e alle multinazionali; cosi facendo eviteremo di trasformare il Natale in una “sagra delle merci”.
Quindi regalerò cosmetici fatti da me, saponi fatti da me, liquori e marmellate fatti da me e, per chi non ne può più del fatto da me, oggetti ottenuti in baratto su Zerorelativo.
Chi non sa far nulla da sé, può dare una sbirciata sul gruppo che ho creato circa un mese fa “Mercatino delle autoproduzioni per i regali di Natale” dove la domanda e l’offerta di un Natale diverso di incontrano (ah, se volete regalarmi quella bellissima borsa in feltro verde, non mi offendo eh).

Il mio sarà anche un Natale vegan, così come dovrà esserlo il cenone dell’ultimo dell’anno; qui c’è un bell’elenco diviso per Regioni per trovare un ristorante vegetariano o vegano dove festeggiare.

Commenti

5 Responses to “Un Natale buono”

  • Luby scrive:

    Quanto sono in sintonia!
    Ma… Vivo con un consumista e anche a casa moa si e’ sceso a patti e vompromessi…
    Volevo regalare solo ai piu stretti le lenticchie lipu.idea bocciata sul nascere… Compromesso?
    No alla tecnologia! Quindi oggetti ed utensili per la cucina, bulbi da fiore e portagioie in legno! Per non rischiare il divorzio ci posso stare :)

    • tascabile scrive:

      be’, dai, è già buono. io ci ho messo anni ad uscire dal tunnel natalizio e non ne sono del tutto fuori :)
      comunque è bellissimo non dover sgomitare tra la folla alla ricerca dell’ultimo regalo! ci si risparmia tantissimo stress :)

  • Mary scrive:

    Totalmente d’accordo..La folla impazzita dei centri commerciali e lo stress che ne deriva non mi mancano assolutamente :)
    Quest’anno mi sono data al cucito, scoprendo tra l’altro una grande soddisfazione nel creare qualcosa di carino da una semplice stoffa..Borse, pochette, tovaglie e tovagliette per tutti :)

    • tascabile scrive:

      brava! io sono una frana col cucito (e con tutti i lavori manuali in genere). so solo cucinare, fare cosmetici e saponi (che è uguale a cucinare!) quindi quest’anno regalo solo quello :)

  • silvia scrive:

    mi aggrego al post natalizio del non consumiamo
    la mia logica è più che altro dettata dal risparmio… e dal fatot che ho tipo 25 parenti da accontentare. ci si vede 1 volta all’anno e tocca farsi i regali, è tradizione.
    di solito andavo per le cose mangerecce ma quest’anno è magrissima la cosa quindi niente cibo o bevande.
    per le signorine: cosmetici fai da me e saponi (grazie tatiana!) per i maschietti…ho trovato un porta cavo e telefono per ricaricare il cell. credo sia un oggetto di “moda”, ma dai cinesi lo vendevano a 90 cent…potevo dirgli di no? è piccolo, costa poco ed è utile. se farà schifo…pazienza almeno mi consolo pensando che occuperà poco in pattumiera :D

Lascia un commento :)






Questo blog è sopravvissuto al trasferimento da Altervista grazie al preziosissimo aiuto di Andrea Beggi. Grazie :)
0 galline
0 tacchini
0 anatre
0 maiali
0 buoi e vacche
0 pecore
0 conigli
0

Numero di animali morti nel mondo a causa dell'industria della carne, del latte e delle uova, da quando hai aperto questa pagina. Questo contatore non include gli animali marini, perché tali numeri sono inestimabili.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica né è da considerarsi un mezzo di informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001.