sostenibilità, risparmio, autoproduzione, esperimenti di decrescita :)

Pane cotto nel coccio

img-20161015-wa0005Un pane così non l’avete mai preparato in casa, fidatevi. Si tratta di un pane “senza impasto”, a lievitazione lenta e che si cuoce nel coccio; la ricetta me l’ha passata mia madre e la mamma ha sempre ragione.

Procuratevi gli ingredienti, una pentola di coccio da 24 centimetri di diametro con coperchio, una ciotola e seguite le istruzioni: non ve ne pentirete.

 

Ingredienti:
> 500 g di farina (350 g di farina integrale, 150 g di farina manitoba e 100 g di semola)
> 380 mL di acqua
> 10 g di lievito madre essiccato
> un cucchiaio di malto di riso
> due cucchiaini rasi di sale fino

Procedimento
1. Mescolate gli ingredienti
Versate in una ciotola le farine setacciate, il lievito, il sale e aggiungete l’acqua in cui avrete precedentemente sciolto un cucchiaio di malto. Amalgamate tutti gli ingredienti mescolando per qualche minuto con una spatola in silicone. Sistemate un canovaccio sulla ciotola e lasciate riposare l’impasto.

2. Riprendete l’impasto
Il pane dovrà lievitare 8-10 ore. Ogni 30-40 minuti riprendete l’impasto, mettetelo su un tagliere infarinato, stendetelo con le mani cercando di formare un rettangolo e ripiegate l’impasto in quattro (in pratica, sollevate un’estremità alla volta ripiegando verso il centro). Rimettete l’impasto nella ciotola e ripetete l’operazione altre due volte lasciando trascorrere sempre 30-40 minuti.
Se volete ancora più alveoli, ripetete la “ripiegatura” dell’impasto una quarta volta a metà lievitazione (dopo 4 o 5 ore).

3. Fate cuocere il pane
Preriscaldate il forno a 250°C con all’interno la pentola di coccio con il coperchio. Quando il forno sarà caldo (e la pentola sarà rovente, attenzione a non scottarvi), estraete la pentola e adagiate delicatamente al suo interno l’impasto del pane. Cuocete in forno per 40 minuti con il coperchio, senza abbassare la temperatura.

4. Sfornate
Una volta sfornato il pane (attenzione di nuovo a non scottarvi), tiratelo fuori dalla pentola capovolgendola su un tagliere. Se il pane fa fatica a uscire, usate una paletta per facilitare l’operazione. Fate raffreddare il pane prima di affettarlo.
Buon appetito :)

Non dimenticate di scaricare gratuitamente l’eco calendario 2017 e di seguire l’eco calendario dell’avvento sulla pagina Facebook delle eco idee tascabili!

Lascia un commento :)






Questo blog è sopravvissuto al trasferimento da Altervista grazie al preziosissimo aiuto di Andrea Beggi. Grazie :)
0 galline
0 tacchini
0 anatre
0 maiali
0 buoi e vacche
0 pecore
0 conigli
0

Numero di animali morti nel mondo a causa dell'industria della carne, del latte e delle uova, da quando hai aperto questa pagina. Questo contatore non include gli animali marini, perché tali numeri sono inestimabili.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica né è da considerarsi un mezzo di informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001.