Questo mese per la rubrica Artiste di natura ti parlo di ben tre artiste: tre sorelle, o meglio, TreeSurelle. Si chiamano Miriam, Valeria e Debora, sono della provincia di Pescara e creano cose bellissime utilizzando semi, legno e altri materiali naturali.

Io le ho conosciute un paio di mesi fa con il loro banchetto in un borgo abruzzese e mi sono letteralmente innamorata delle loro creazioni. Come sai vado in brodo di giuggiole quando vedo la natura protagonista e non semplice sfondo della nostra vita. È il motivo per cui una volta al mese ti parlo di un’artista che crea le proprie opere isprandosi o utilizzando la natura, nonché uno dei motivi per cui ho dato vita al Percorso selvatico, il corso fighissimo sul riconoscimento di piante spontanee.

Tornando alle TreeSurelle, Miriam mi ha raccontato che l’amore per il legno è stato trasmesso loro dal papà falegname; da lui e dalla mamma sarta devono aver ereditato anche i geni della creatività e della manualità.
Negli anni hanno imparato a lavorare il legno in modo professionale e oggi si dedicano alla creazione di gioielli in cui le meraviglie della natura sono in primo piano: un nodo di abete, una venatura particolare, il cappellino di una ghianda o il seme di un frutto diventano protagonisti delle loro opere.

Oggi ti faccio vedere le cose che mi hanno colpita di più e ciò che ho acquistato io: tutto ciò che fanno è stupendo, quindi ho dovuto selezionare moltissimo.

Dato che adoro gli orecchini, iniziamo da questi fatti con ghiande e pietre, che avrei voluto acquistare per potermi sentire sempre in un bosco.

Avrei comprato anche questi, ricavati da sezioni di rametti di alberi. In foto puoi vedere quelli creati a partire da rami di pino, ma ne realizzano con diversi alberi tra cui la quercia.

Le materie prime usate da TreeSurelle provengono principalmente dai boschi e dalle potature stagionali. I legni utilizzati quindi sono solo quelli presenti sul territorio nazionale, fatta eccezione per alcuni legni esotici come il palissandro, scarti di produzione o rimanenze di magazzino della falegnameria del papà.

TreeSurelle evitano di usare legni non nazionali per non alimentare il traffico di alberi protetti e perché preferiscono utilizzare ciò che “avanza” dell’albero in un’ottica di rispetto della natura ed ecosostenibilità del loro prodotto.

Oltre alle ghiande e ai rametti in sezione, sono rimasta molto affascinata anche dai piccolissimi orecchini a forma di coccinella, muso di volpe e gufo. Li creano intagliando i semi di alloro. Non so se ti rendi conto della pazienza necessaria a fare un lavoro del genere (pazienza ampiamente ricompensata dal risultato, direi).

In foto puoi vedere un riassunto dei passaggi che trasformano un seme di alloro in un muso di gufo (o di una civetta, forse).

Infine arriviamo al pezzo top, quello che ho scelto per me e che farà perdere definitivamente la testa anche a te. Sono sicura che anche tu lo comprerai entro mezz’ora perché è un oggetto stupendo, è utile e perché quando lo indosso mi riempiono di domande, tra cui la più gettonata è “dove si compra?”.

 

Hai già capito cos’è? Questo oggetto fighissimo è un porta essenze: puoi riempirlo con fiori secchi e oli essenziali per diffondere un ottimo profumo ma anche per una rapida aromaterapia a portata di mano (e di naso).

Il mio l’ho riempito con fiori essiccati di lavanda e qualche goccia di olio essenziale di lavanda e limone e lo indosso quando ho bisogno di rilassarmi rimanendo concentrata. Il porta essenze con questa miscela potrebbe esserti molto utile se soffri di ansia durante gli esami o quando devi parlare in pubblico, ad esempio.

Secondo me ora vuoi sapere dove puoi acquistarlo, quindi ti lascio curiosare la pagina Facebook di TreeSurelle e il loro profilo Instagram.

Se vuoi conoscere le TreeSurelle nella realtà vera, seguile sui loro canali social per sapere le date dei prossimi mercatini: saranno ad esempio presenti con le loro bellissime creazioni a Santo Stefano in Sessanio, borgo in provincia de L’Aquila e potrai trovarle lì fino alla fine di agosto.

La rubrica Artiste di natura invece ad agosto va in vacanza, ma torna a settembre.

Terzo appuntamento con le artiste di natura ma questo mese – sorpresa! – l’artista di natura è un uomo. Si chiama Paolo, è di Torino e la sua attività è Filosofia vegetale.

Paolo si occupa principalmente di progettazione di piccoli giardini e terrazzi, ma come potrai intuire dal nome del suo brand, Paolo non si limita ad allestire spazi verdi, altrimenti non te ne parlerei.

 

Il giardino come strumento per il benessere

Il lavoro di Paolo è un intreccio in cui si incontrano consapevolezza, benessere, felicità, tenute insieme da un filo rigorosamente verde: la natura è dunque un mezzo, il giardino diventa uno strumento per guardarsi dentro, oltre che per circondarsi di bellezza.

Chi decide di lavorare con Paolo inizia compilando un questionario che serve anche e soprattutto sé, per comprendere i propri desideri più profondi. Questa comprensione porta chiaramente a una maggiore consapevolezza e già questo è un primo passo verso la strada della felicità.

Successivamente si scelgono le piante, che saranno in armonia con le emozioni del cliente: Paolo individua specie e cultivar che “risuonino“ con l’animo di chi ne fruirà, con un occhio di riguardo verso la sostenibilità ambientale (le piante provengono da produttori locali per favorire l’economia del luogo, prediligendo i vivaisti attenti all’ambiente). Ovviamente le specie sono concordate con il cliente poiché il risultato finale dovrà soddisfare il desiderio di bellezza e di benessere della persona.

Dopo la realizzazione del giardino o terrazzo, Paolo continua a seguire i propri clienti insegnando loro come prendersi cura delle proprie piante; questo consente alla persona di essere indipendente, di sporcarsi le mani e di relazionarsi direttamente con la natura.

L’importanza del contatto con la natura

La relazione uomo-pianta è un concetto che ritorna anche nei laboratori e workshop in cui Paolo parla proprio della relazione tra essere umano e natura definendolo come un bisogno fondamentale per il proprio benessere. Un esempio è il laboratorio “Piante e gratitudine” che Paolo ha tenuto all’Accademia della Felicità, a Milano.

Che circondarsi di piante possa migliorare la qualità della vita non è una novità: esistono ormai tanti studi che associano il contatto con la natura a riduzione dello stress, diminuzione del rischio di sviluppare numerose patologie e a un miglioramento della qualità della vita.

Come sai, io adoro le piante (strano per un’erborista, vero?) e anch’io come Paolo sono convinta che il rapporto con la natura sia fondamentale per stare bene. Per la mia esperienza, posso dire che niente riesce a rilassarmi e allontanare i pensieri negativi come il mettere le mani nella terra o fare una passeggiata nel bosco.

Quando poi ho iniziato a studiare le piante per gli esami di botanica e fisiologia vegetale le ho trovate a dir poco affascinanti: i loro meccanismi di difesa, i loro sistemi di comunicazione, la loro resilienza mi hanno meravigliata e ho trovato nuove ispirazioni dalle loro strategie.

 

Probabilmente a Paolo è successa la stessa cosa quando, dopo una formazione umanistica e un lavoro decennale in teatro con giovanissimi, anziani e disabili, si è “trovato” a lavorare in un’azienda di allestimento del verde. Deve essere stato folgorato dal verde come è successo a me e così ha deciso di dare alcuni gli esami di botanica presso la facoltà di agraria, ha studiato individualmente, ha fatto moltissima pratica e finalmente ha dato vita a Filosofia vegetale.

Oggi Paolo, oltre a frequentare corsi di aggiornamento e approfondimento rispetto a progettazione e gestione del verde, sta terminando il percorso di Master presso l’Accademia della Felicità a Milano, per offrire servizi sempre più specifici e personalizzati in un’ottica di benessere e felicità.

Se vuoi approfondire la conoscenza con Paolo e con la sua Filosofia vegetale puoi leggere il suo blog e seguirlo su Instagram e Facebook.

Se hai voglia di avvicinarti al mondo vegetale e fare una passeggiata virtuale con me alla scoperta delle piante spontanee, qui trovi il mio Percorso selvatico per te che è una bellissima occasione per conoscere meglio la natura che ti circonda (vedrai che poi passerai dal virtuale al reale, ne sono certa).

Come sempre, ci tengo a precisarti che questi miei post non sono marchette: non prendo un compenso e non usufruisco di sconti per scriverli. Mi piace condividere realtà belle, innovative, creative e virtuose.

Secondo appuntamento con la rubrica Artiste di natura, che mi piace sempre di più perché mi permette di parlarti di piccole realtà che offrono prodotti d’eccellenza in cui la natura è in primo piano. Il mese scorso ti ho parlato di Luisa e della sua Grenouille ceramiche, mentre questo mese cambiamo completamente argomento. Ti racconto il lavoro di Wildflower erbe dell’Altopiano, di Lucia e dei suoi cosmetici selvatici.

Wildflower, erbe dell’Altopiano

Immagina di essere in un bosco o in un prato. Stai raccogliendo erbe spontanee aromatiche e medicinali che farai essiccare al fresco nella tua casa in pietra immersa nella natura. Con le tue erbe preparerai poi oleoliti, oli essenziali e idrolati che userai per preparare unguenti, creme e altre pozioni magiche per la pelle e i capelli. Un sogno che purtroppo non tutte noi possiamo realizzare. Fortunatamente c’è Lucia che lo fa per noi e così possiamo far arrivare a casa e sulla nostra pelle i profumi e la magia dei boschi.
I cosmetici di Wildflower sono formulati da Lucia con le erbe spontanee dell’Altopiano di Asiago, nel rispetto dell’ambiente e della natura. I prodotti preparati da Lucia sono frutto di anni di esperimenti e prove, non contengono petrolati, parabeni e solfati e sono confezionati con un packaging leggero.

Oggi ti parlo dei cosmetici Wildflower che ho provato e che sto utilizzando da circa un mese.

Foresta, crema per pelli impure

Per il viso ho scelto di provare Foresta, una crema pensata per pelli impure, a base di ortica e lichene e profumata al timo. È un’emulsione leggera che si assorbe in fretta senza ungere o appesantire, perfetta per le pelli che si ungono o che tollerano poco le creme nutrienti.
Devi sapere che la mia pelle è super sensibile e che spesso mi compaiono brufoletti o rossori dopo aver usato un prodotto nuovo. Foresta di Wildflower non mi ha dato nessun tipo di problema, anzi: quando ho iniziato a usarla la mia pelle era molto sofferente e, dopo qualche applicazione, è tornata alla normalità.
Ti consiglio Foresta se come me hai una pelle delicata e contemporaneamente impura, la adorerai.

Lo Shampoo Soffio

Per i capelli ho voluto provare Soffio, lo shampoo con equiseto e achillea dall’intenso profumo di rosmarino. Anche in questo caso posso dirmi completamente soddisfatta. Soffio fa una bella schiuma soffice con bolle piccole, ne basta una piccola quantità e lava senza appesantire i capelli. Te lo consiglio se hai i capelli normali ma anche se hai un cuoio capelluto problematico, quindi in caso di eccesso di sebo, forfora o prurito: è davvero ottimo.

Unguento Strega

Ho provato anche l’unguento Strega, un prodotto dai mille usi con arnica, iperico, consolida, achillea, timo e calendula. Strega è un unguento senza profumazione da massaggiare in piccole quantità in caso di contusioni, infiammazioni, scottature, screpolature, dolori articolari e punture d’insetto. Io lo sto usando sulla pelle screpolata delle mani, massaggiandolo prima di andare a dormire. È un ottimo prodotto che ti consiglio di avere in casa per ogni emergenza della pelle. In più ha un bellissimo nome, non trovi?

Latte di rosa

Veniamo all’ultimo prodotto che ho acquistato da Wildflower, il mio preferito. Sto parlando di Latte di rosa, un latte detergente che ho amato dal primo utilizzo. É cremoso, ricco, gradevolmente e delicatamente profumato. Quando lo usi per struccarti senti la pelle immediatamente idratata e più morbida. Elimina ogni traccia di make-up ed è perfetto per rimuovere il mascara perché non brucia per nulla gli occhi. Per il contorno occhi è spettacolare anche perché idrata e distende le rughe in un attimo.
Latte di rosa è ottimo se hai la pelle sensibile come la mia e se hai bisogno di uno struccante efficace ma delicato, che non interferisca con la funzione barriera della pelle e non ti causi rossori e brufoletti.

Che dire? Io sono veramente felice di aver scoperto questi prodotti e lo è anche la mia pelle. Da quando uso i cosmetici di Wildflower la mia pelle è rinata: nessun arrossamento, niente brufoli, zero impurità.
Se vuoi provare anche tu i cosmetici Wildflower visita il sito e lo shop: troverai tutti i prodotti e le informazioni utili per i tuoi acquisti.

Ti ricordo che per la rubrica Artiste di natura non ricevo alcun compenso, perché se venissi pagata o se avessi un vantaggio a parlare dei prodotti la mia opinione non sarebbe completamente sincera. Ho conosciuto Lucia e la sua Wildflower grazie a un post di Simone Perotti su Facebook e l’ho contattata per acquistare i suoi prodotti e parlarne sul blog nel caso mi fossi trovata bene (come avrai intuito, mi sono trovata alla grande).

Se anche tu sei un’artista di natura e vuoi che parli di te, puoi segnalarmi la tua attività nei commenti.

Con questo post inauguro un nuovo appuntamento qui sul blog. Una volta al mese ospiterò un’artista di natura, cioè un’artista che usa la natura nel proprio lavoro, per ispirarsi o per realizzare le proprie creazioni.
Tengo molto a questa nuova rubrica perché spesso, come oggi, sarà un’occasione per coniugare due cose che amo: natura e artigianato.
Per quanto riguarda l’artigianato credo che gli oggetti realizzati a mano abbiano parecchie marce in più rispetto a quelli fabbricati in serie in qualche capannone di vattelapesca, da lavoratori spesso sfruttati e sottopagati e usando materiali di dubbia provenienza nonché metodi di lavorazione inquinanti o dannosi per l’ambiente.
Sono convinta che il rispetto per se stesse, per la natura e per l’ambiente passi anche dall’acquistare meno e meglio. Rivolgersi a piccoli produttori e sostenere la loro arte e creatività è sicuramente un atto di amore verso il nostro ambiente e non solo. In più, vuoi mettere indossare un paio di orecchini unici al mondo e fatti a mano solo per te?

Dopo la lunga e doverosa premessa, questo mese ti presento Luisa de “La Grenouille ceramiche”, un’artista che usa piante e argilla per realizzare opere uniche e bellissime. Ti anticipo che Luisa ha deciso di riservare uno sconto del 10% a te che leggi il mio blog, in fondo al post ti spiego tutto.

La Grenouille ceramiche: chi è e cosa fa Luisa

Luisa mi ha raccontato che la sua passione per la ceramica è nata dopo quella per la natura, che il mondo vegetale e animale l’ha sempre stregata e che non smette mai di meravigliarsi. Mi ha anche confidato che la ceramica per lei è lentezza, passione e amore per un ambiente che sta soffocando nella plastica.
Così ha coniugato la passione per la ceramica e l’amore per la natura e da questa unione è nata La Grenouille con una linea di prodotti davvero particolare. Le opere di Luisa sono infatti realizzate imprimendo sull’argilla fresca le piante che raccoglie durante le escursioni in Valpolicella.
Nelle sue creazioni, insieme alle piante, sono spesso presenti uccellini come le cince e i pettirossi che le fanno compagnia in inverno in giardino e che visitano assiduamente le mangiatoie a loro disposizione.

Luisa mi ha spiegato un po’ la sua tecnica. Dopo aver impresso fiori e foglie sull’argilla, procede con una decorazione a crudo con ingobbi e poi alla biscottatura in forno a 1000 gradi. Successivamente utilizza un ossido per evidenziare le venature delle piante, immerge le ceramiche in cristallina e procede all’ultima cottura a 980 gradi.
Con questa tecnica realizza tazze, tazzine, oggetti d’arredamento, ma anche orecchini, spille e collane. Il risultato è stupendo, come vedrai nelle prossime foto.

La Grenouille ceramiche e la natura da indossare

Tra le creazioni di Luisa mi piacciono tantissimo gli accessori. Guarda ad esempio questi orecchini, sono stupendi.

Se preferisci le spille agli orecchini, in questo album ne trovi moltissime. Per questo post ho scelto di mostrarti quella realizzata con una foglia di salvia, dato che ho scritto un libro dedicato a questa pianta.
La salvia è un’erba aromatica considerata “amica delle donne” perché utile nei disturbi legati al ciclo mestruale e alla menopausa; la salvia è anche simbolo di longevità, il suo nome significa “salvo” e un trattato medievale recita che “il desiderio della salvia è di rendere l’uomo immortale”.
Luisa utilizza molto le foglie di salvia, che ha definito regina in questa tecnica poiché la carnosità della foglia lascia un’impronta eccellente sull’argilla.

Se poi ami cucire o personalizzare i tuoi abiti, non puoi non amare questi bottoni fatti a mano (io non so cucire ma li amo comunque).

La Grenouille e le ceramiche per la tua casa

Oltre agli accessori da indossare, Luisa realizza anche oggetti per rendere più bella la tua casa. Da erborista non posso non farti vedere almeno una tazza fatta a mano per il tuo “momento tisana”.

Ovviamente non posso che trovare irresistibili anche questi “segna pianta” per le piante aromatiche da coltivare nell’orto o sul balcone.

Ti piacciono le creazioni di Luisa? Allora vai a trovarla sulla sua pagina Facebook.
Vuoi acquistare i prodotti di Luisa? Come ti dicevo all’inizio del post, per te che mi leggi Luisa ha riservato uno sconto del 10%, valido da oggi e per un mese. La parola d’ordine è “Leggo Tascabile” e ti basta comunicarla a Luisa prima del tuo acquisto. Facile, no?

PS: ci tengo a dirti che per questo post non ho ricevuto alcun compenso, sconto, regalo o altro. Ho conosciuto Luisa e le sue creazioni attraverso Facebook e l’ho contattata per parlare di lei senza ricevere nulla in cambio.
Se anche tu sei un’artista di natura e vuoi che parli di te, puoi segnalarmi la tua attività nei commenti.