sostenibilità, risparmio, autoproduzione, esperimenti di decrescita :)

Un blog a impatto zero

I blog inquinano, lo saprete. Anche se internet non mangia, non fuma, non compra, i nostri blog o siti abitano dentro a server che hanno bisogno di energia, quindi contribuiscono all’immissione di anidride carbonica nell’atmosfera. Da diverso tempo, LifeGate ha avviato il progetto Zero Impact® Web, grazie al quale è possibile annullare le emissioni del proprio blog. Voi pagate da 40 a 900 euro l’anno e loro piantano alberi, creando nuove foreste o tutelando quelle esistenti.

Se l’idea di spendere dai 40 euro in su per compensare le emissioni della vostra casa on-line non vi piace, ecco la soluzione: l’iniziativa Carbon Neutral di Dove conviene. Loro l’albero lo piantano gratis, a patto che scriviate un post sul vostro blog in cui li citate, glielo segnaliate via email ed esponiate orgogliosamente uno di questi bottoni sul vostro sito/blog. Loro in cambio pianteranno per voi una quercia nella zona di Göritz, che annullerrà le emissioni di CO2 del vostro spazio in rete per cinquant’anni. È stato fatto un calcolo secondo il quale un blog produrrebbe 3,6 chilogrammi di anidride carbonica all’anno; un albero pare sia in grado di assorbirne dai 5 ai 10 chili e vive mediamente cinquant’anni.

Vi sembra troppo facile? Tentar non nuoce, in fondo non chiedono soldi in cambio, quindi non costa nulla. Si potrebbe forse essere in disaccordo con l’attività del loro sito, poiché pubblicizzano grandi catene e i duri e puri sono contrari allo shopping. Però pubblicano volantini, niente di più e capita a tutti di aver bisogno di acquistare qualcosa, no? Meglio un depliant pubblicitario digitale che cartaceo, siete d’accordo? Per sicurezza ho scritto a Dove conviene (ormai dovreste sapere che sono una rompiballe!) e la gentilissima Alice mi ha confermato quanto pensavo, rispondendomi:

Dove conviene nasce per “retro-innovare” l’obsoleta pratica del volantinaggio cartaceo, permettendo agli utenti di trovare in un solo posto tutte le promozioni attive vicino a casa, e permettendo alle aziende un marketing molto più efficace, misurabile, pulito. I volantini cartacei rappresentano una delle forme più inefficienti di marketing: costosissimi per la GDO (le catene spendono oltre 1 Miliardo di euro/annuo solo in italia), inefficaci nel targeting, fastidiosi ed invadenti per chi li riceve e disastrosi per l’ambiente (spreco di carta e inquinamento). […] Oltre a far risparmiare carta e quindi a salvare alberi, da oggi vogliamo aiutare anche a piantarne di nuovi:  abbiamo lanciato l’iniziativa “il tuo blog/sito ad impatto zero” che permette a chiunque sceglie di aderire gratuitamente e di abbattere l’impatto ambientale del proprio sito o blog, in partnership con l’iniziativa noprofit tedesca iplantatree.org.

Quindi, a cuor leggero, aderisco. Lo fate anche voi?

Commenti

3 Responses to “Un blog a impatto zero”

  • greenkika scrive:

    WOW! complimenti! sei sempre un passo più avanti :-P
    corro a dare un’occhiata a questo sito.
    ma se la quercia la piantassi io stessa? :-)

    • tascabile scrive:

      c’è gente più avanti di me: ho scoperto di questa iniziativa grazie all’androide minimalista e prima di me l’hanno fatto rapanello urbano e dowshifting per caso (e chissà quanti altri che non ho ancora visto).
      se la piantassi tu, non so. io non saprei dove piantarla e visto il successo dell’orto sul balcone, di sicuro sceglierei un posto dove a causa del terreno, delle piante vicine, degli animali e di chissà cos’altro, la mia quercia morirebbe in tre giorni. meglio lasciar fare ad altri :)

  • elena scrive:

    ma davvero, a me non hanno chiesto nulla se non di spargere la voce il più possibile…mah.

Lascia un commento :)






Questo blog è sopravvissuto al trasferimento da Altervista grazie al preziosissimo aiuto di Andrea Beggi. Grazie :)
0 galline
0 tacchini
0 anatre
0 maiali
0 buoi e vacche
0 pecore
0 conigli
0

Numero di animali morti nel mondo a causa dell'industria della carne, del latte e delle uova, da quando hai aperto questa pagina. Questo contatore non include gli animali marini, perché tali numeri sono inestimabili.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica né è da considerarsi un mezzo di informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001.