Dopo vari esperimenti con la pasta madre, sono finalmente  riuscita a fare un pane ottimo, buono che più buono non si può.  Io l’ho solo assaggiato, il resto lo mangerà Matteo, perché sono sempre a dieta, non se ne esce. Dall’assaggio posso assicurare che il risultato è perfetto, morbido dentro, croccante fuori, lievitato al massimo.  Ecco come si fa:

200 gr di pasta madre
400 gr di farina bianca + 100 gr di farina integrale* e 300 ml d’acqua
un cucchiaio di sale e tre d’olio

Per prima cosa, dopo il rinfresco la pasta madre va sciolta per bene in un po’ d’acqua; questo fa ottenere un pane morbidissimo. Poi si aggiungono tutti gli ingredienti e si impasta. L’impasto va poi messo in uno stampo o su una teglia e lasciato lievitare per almeno una notte, coprendolo con uno strofinaccio. Il giorno dopo si toglie lo strofinaccio, si accende il forno, si aggiunge la piccola bacinella d’acqua e si lascia cuocere a 180°C per trenta minuti. Finito.

Per le pizze e le focacce valgono le stesse regole: la pasta madre va sciolta in acqua prima di impastarla con gli altri ingredienti e l’impasto va fatto lievitare per tante, tante ore direttamente nelle teglie. In questo modo il risultato sarà soffice e non si “smonta” la lievitazione. Provate!

* io ho usato la farina integrale perché sul più bello ho finito la manitoba; ovviamente si può fare anche con 500 gr di farina bianca.