sostenibilità, risparmio, autoproduzione, esperimenti di decrescita :)

Come preparare il kefir d’acqua

PICT0216Qualche anno fa mi ero cimentata nell’autoproduzione del kefir di latte con cui preparavo una specie di yogurt molto acido e (pare) più salutare del comune yogurt. Avendo smesso di bere latte, ho smesso anche di produrre il kefir, finché, qualche giorno fa, mia madre mi ha regalato i fermenti di kefir d’acqua.
Non intendo affrontare l’aspetto salutistico dell’assunzione di questa bevanda, sostanzialmente perché non so se effettivamente abbia o non abbia delle proprietà benefiche; mi limiterò a spiegare come si prepara.

Ingredienti
3 cucchiai di fermenti di kefir d’acqua
1 litro d’acqua minerale o filtrata (l’acqua del rubinetto pare sia sconsigliata poiché contenendo cloro potrebbe uccidere i fermenti)
1 cucchiaio di zucchero (o malto, o miele)
2 frutti secchi (prugne, albicocche, fichi eccetera)
1/2 limone
1/2 frutto fresco (banana, mela, pera eccetera)
Bisognerebbe utilizzare frutta biologica perché pare che i residui di pesticidi uccidano i fermenti. Io ho provato a prepararlo con banana, mela, fragola (fa diventare rossi i fermenti, ma poi tornano bianchi), kiwi; il sapore della frutta si percepisce leggermente nella bevanda.

Procedimento

Procuratevi un barattolo in vetro trasparente con l’imboccatura larga e una capienza di almeno un litro. Riempite il barattolo con l’acqua, aggiungete i fermenti di kefir il resto degli ingredienti. Coprite il barattolo con un canovaccio tenuto fermo da un elastico (non deve essere chiuso ermeticamente) e dimenticatelo per 24 ore (alcuni prolungano questo tempo fino a 72 ore).

Trascorse ventiquattro ore:
Riprendete il vostro barattolo, recuperate il mezzo limone rimasto in ammollo, spremetelo e unite il succo all’interno del barattolo. Filtrate il tutto direttamente in una bottiglia pulita (con colino e imbuto); risciacquate velocemente il barattolo e inserite nuovamente al suo interno tre cucchiai di kefir. Aggiungete l’acqua e il resto degli ingredienti, coprite con il canovaccio e dimenticate di nuovo il barattolo per 24 ore. Il kefir filtrato si conserva in frigorifero e va bevuto nell’arco di una giornata.
La bevanda che si ottiene è leggermente frizzante, il colore e il sapore variano a seconda della frutta utilizzata; il sapore è agrodolce, ricorda quello dell’acquetta della macedonia.

I fermenti di kefir si moltiplicano con il tempo: quando ne avrete più di tre cucchiai, quelli che avanzano potete regalarli o aggiungerli alla terra delle piante. In molti consigliano di congelare tre cucchiai di fermenti e utilizzarli per sostituire i precedenti ogni sei mesi.

Previous Topic

Lascia un commento :)






Questo blog è sopravvissuto al trasferimento da Altervista grazie al preziosissimo aiuto di Andrea Beggi. Grazie :)
0 galline
0 tacchini
0 anatre
0 maiali
0 buoi e vacche
0 pecore
0 conigli
0

Numero di animali morti nel mondo a causa dell'industria della carne, del latte e delle uova, da quando hai aperto questa pagina. Questo contatore non include gli animali marini, perché tali numeri sono inestimabili.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica né è da considerarsi un mezzo di informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001.